NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Aziende e imprese » Fallimenti aziende: quasi 4mila nel primo trimestre. Nuovo record

Fallimenti aziende: quasi 4mila nel primo trimestre. Nuovo record

Quasi 4mila imprese italiane sono fallite nel primo trimestre di quest’anno. Un nuovo record secondo i dati Cerved. Ma le chiusure aziendali complessive sono diminuite.

di Redazione SoldieLavoro 16 mag 2014 - ore 12:09
Nel primo trimestre del 2014 le aziende italiane che hanno dichiarato fallimento sono state 3.811, il 4,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2013. Un nuovo record secondo i dati Cerved. Diminuiscono però le chiusure aziendali complessive, che possono avvenire anche per motivi diversi dal fallimento, che sono state 23mila, il 3,5% in meno rispetto al primo trimestre del 2013.

INFOGRAFICA: I fallimenti del primo trimestre 2014 regione per regione

AZIENDE FALLITE PER TERRITORIO
A livello territoriale i fallimenti sono diminuiti nel nord-est dell’1,8%; ma sono aumentati del 3,7% nel nord-ovest, del 10,3% al centro e del 5,7% nel sud e nelle isole.

AZIENDE FALLITE PER SETTORE
I settori che hanno sofferto maggiormente sono stati quello dei servizi (+7,3%) e quello delle costruzioni (+6,3%). Nel settore manifatturiero i fallimenti sono aumentati dello 0,8%.

cerved-fallimenti-primo-trimestre-2014
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TAG: fallimento
da

Soldionline

Il FTSEMib chiude in calo dell'1,1%. Male i bancari

Il FTSEMib chiude in calo dell'1,1%. Male i bancari

Male Unicredit: l'istituto guidato da Jean Pierre Mustier ha fornito il consueto aggiornamento sulle stime di consensus degli analisti. Vendite anche su Atlantia Continua

da

ABC Risparmio

Come integrare la pensione anche cominciando tardi

Come integrare la pensione anche cominciando tardi

Sarebbe meglio cominciare presto, ma per chi va in pensione adesso i cambiamenti del sistema pensionistico avvenuti negli ultimi decenni non erano prevedibili quando era, appunto, presto Continua »