NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Aziende e imprese » Come contabilizzare il trattamento di fine rapporto in partita doppia
Guide simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo
Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Come contabilizzare il trattamento di fine rapporto in partita doppia

Se hai un'impresa con dipendenti, devi sapere che al momento della cessazione del loro rapporto di lavoro hanno diritto a percepire un emolumento che prende il nome di TFR (trattamento di fine rapporto) e tale indennità va registrata negli appositi libri contabili. Se non sai come, seguimi e lo scoprirai!

Istruzioni
Difficoltà
come-contabilizzare-il-trattamento-di-fine-rapporto-in-partita-doppia

Cosa serve

  • libri contabili
  • lavoratori dipendenti

Approfondimento:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
  1. L'indennità di licenziamento (TFR) è un emolumento riconosciuto ai lavoratori subordinati licenziati ed è rapportato alle retribuzioni percepite durante tutto il periodo di lavoro. Infatti, se sei un imprenditore o un operatore contabile, devi sapere che ogni anno (al 31/12) e ogni mese, dopo aver consegnato la busta paga ai dipendenti, dovrai registrare il rateo TFR in partita doppia. Vediamo come.
  2. Dunque, innanzitutto devi prendere in considerazione il rateo mensile di TFR che compare sulle buste paga dei dipendenti. Infatti, insieme alle scritture del personale, dovrai anche contabilizzare la quota mensile, rilevandola prima e registrandone il versamento poi. Quindi, innanzitutto, ogni mese, nel momento in cui rileverai la quota parte di TFR dovrai scrivere:

    TFR a DEBITI v/LAV.DIPENDENTI

    Il conto TFR va in DARE perché rileva una variazione finanziaria positiva, in quanto diminuisce il debito che l'azienda ha verso i suoi dipendenti.
  3. In seguito, dopo aver rilevato il TFR, devi registrare il versamento con scadenza mensile, quindi redigerai la seguente scrittura in partita doppia:

    COSTI DIP/QUOTA TFR a BANCA c/c

    Il conto BANCA è di natura patrimoniale e va in AVERE perché rileva il debito che l'impresa ha con la banca in relazione al contratto di conto corrente con cui si dà mandato di pagamento all'istituto di credito.
  4. Alla fine dell'esercizio amministrativo, in sede di chiusura del bilancio, dovrai prendere in considerazione l'insieme di tutte le quote di TFR che ogni mese hai accantonato e rilevarle al 31/12 con la seguente scrittura contabile in partita doppia:

    QUOTA TRATT. FINE RAPPORTO a TRATTAMENTO FINE RAPPORTO

    La quota di TFR va in DARE perché è un costo (infatti è un conto di natura economica), mentre il Trattamento Fine Rapporto va in AVERE perché sorge (o aumenta) il debito che l'azienda ha verso i suoi dipendenti: è un conto di natura patrimoniale.

Leggi anche:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
di PdVivo
Non ci sono articoli correlati per questo articolo
da

Soldionline

I market mover della settimana

I market mover della settimana

Il 26 ottobre la BCE comunicherà le proprie decisioni di politica monetaria, seguite dalla conferenza di Mario Draghi. Entra nel vivo la stagione delle trimestrali a Piazza Affari Continua

da

ABC Risparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »