NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Educational Lavoro » Assegni nucleo familiare, come si compila la domanda per i lavoratori dipendenti

Assegni nucleo familiare, come si compila la domanda per i lavoratori dipendenti

Entro la fine di giugno di ogni anno chi vuole vedersi accreditare mensilmente sullo stipendio un assegno per il nucleo familiare deve presentare la domanda. Ecco come di compila il modello SR16

di Mauro Introzzi 11 set 2017 - ore 15:43

Entro la fine di giugno di ogni anno chi vuole vedersi accreditare mensilmente sullo stipendio un assegno per il nucleo familiare deve compilare la domanda per i lavoratori dipendenti e consegnarla al suo datore di lavoro. Ecco come si compila il modello SR16.

 

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE: A CHI SPETTA

L’assegno per il nucleo familiare spetta ai lavoratori dipendenti che hanno un nucleo familiare composto da più persone e i cui redditi sono inferiori a determinai limiti.
L'importo dell'assegno è calcolato in base alla tipologia del nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo.

 

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE, QUANTO SPETTA: LE TABELLE CON LE FASCE DI REDDITO

inps-logoIl reddito familiare annuo di riferimento è definito, ogni anno, dall’INPS con una circolare. Le tabelle con tutti i livelli reddituali parametrati alle diverse tipologie di nuclei familiari sono poi pubblicate sul sito dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Qui puoi scaricare il file in excel.

Per esempio, se il reddito familiare annuo di una famiglia è pari a 30mila euro e il numero dei componenti il nucleo familiare è 5 si avrà diritto a una somma annua pari a 704,17 euro. Per una famiglia con un reddito annuo di 44mila euro e 4 componenti la somma degli assegni per il nucleo familiare sarà pari a 389,63 euro.
Tali importi sono pagati frazionati per mese.

 

CHI FA PARTE DEL NUCLEO FAMILIARE

Secondo i dettami dell’INPS fanno parte del nucleo familiare il richiedente, il coniuge non legalmente ed effettivamente separato, i figli sotto i 18 anni e ogni figlio maggiorenne se inabile impossibilitato al lavoro.
Sono parte del nucleo anche i figli tra i 18 e i 21 anni – studenti o apprendisti – se nel nucleo sono presenti più di 3 figli sotto i 26 anni.
Fanno altresì parte del nucleo fratelli, sorelle o nipoti del richiedente se minori di età, oppure maggiorenni inabili al lavoro, se orfani di entrambi i genitori e senza diritto alla pensione dei superstiti.

 

ASSEGNI NUCLEO FAMILIARE, COME COMPILARE LA DOMANDA

 

modulo-assegni-familiari

 

Entro il 30 giugno di ogni anno (e entro 30 giorni da un’eventuale variazione del nucleo familiare) va compilata e consegnata al proprio datore di lavoro il modulo di domanda per i lavoratori dipendenti per gli assegno per il nucleo familiare.
Il modello si scarica dal sito dell’INPS e il suo codice è: Mod. ANF/DIP – COD. SR16.

Innanzitutto va inserito il periodo a partire dal quale si fa richiesta. La data di inizio, per la prima domanda, potrebbe essere quella di cambio del perimetro del nucleo familiare (per esempio per la nascita di un figlio). Per le domande successive il periodo inserito dev’essere compreso tra il 1° luglio dell’anno in corso e il 30 giugno dell’anno successivo.

Poi la perfetta dicitura della ragione aziendale della società per cui si lavora.

 

assegni-nucleo-familiare-periodo-domanda

 

Spazio, a seguire, ai dati anagrafici del richiedente, il suo stato civile e la dichiarazione (nel caso) di appartenenza alle categorie di lavoratori agricoli dipendenti a tempo determinato di un Comune o a quella di coltivatore diretto, mezzadro o colone di un Comune.

Nella pagina successiva (o nelle altre, se il numero dei componenti lo richiede) spazio ai dati anagrafici dei componenti il nucleo familiare.

Focus, poi, sui redditi, informazione importante per poter quantificare l’entità dell’assegno. Il reddito da indicare è quello relativo all’anno precedente la domanda se la decorrenza dell’assegno riguarda il secondo semestre solare mentre se riguarda la prima metà dell’anno va indicato il reddito conseguito due anni prima.

 

assegni-nucleo-familiare-domanda-redditi

 

Vanno indicati innanzitutto i redditi IRPEF di richiedente, coniuge e familiari, differenziati se derivanti da reddito da lavoro o altri redditi. Va specificato qual è il modello fiscale dal quale i redditi sono desunti (CUD? Modello Unico? 730? 770?)

Poi devono essere indicati i redditi esenti da imposta o soggetti a ritenuta alla fonte a titoli di imposta o imposta sostitutiva, come pensioni e assegni di indennità, o interessi bancari e postali. Pure in questo caso, come nel precedente, va specificato qual è il modello fiscale dal quale i redditi emergono.

Le ultime pagine del documento sono riservate alla dichiarazione di responsabilità del richiedente e del suo coniuge, che devono escludere di percepire altri trattamenti di famiglia. Infine spazio per la richiesta del coniuge del richiedente per il pagamento dell’assegno direttamente. In questo caso si può percepire il denaro tramite bonifico o accredito (fornendo il codice IBAN) tramite conto corrente bancario o postale.

 

COSA FARE SE VARIANO LE COSE

Se lo status quo del dichiarante e del suo nucleo sono oggetto di variazioni (ad esempio per la nascita di un nuovo figlio) il dichiarante deve comunicare i cambiamenti al datore di lavoro entro 30 giorni dall’avvenuta modifica. Con una dichiarazione che conterrà la data di variazione della situazione del nucleo familiare.

 

COSA ALLEGARE ALLA DOMANDA

In particolari casi – ossia quando nel nucleo familiare ci sono particolari situazioni di parentela - alla domanda vanno allegati i modelli ANF42 e ANF43. Le condizioni per la presentazione di ulteriore documentazione riguardano la presenza di figli e equiparati di genitori legalmente separati o divorziati, figli naturali riconosciuti dall’altro coniuge, figli del coniuge nati da un precedente matrimonio e altre situazioni analoghe (specificare sul sito dell’Inps).

 

assegni-nucleo-familiare-documenti-allegati

 

SE LA DOMANDA RIGUARDA ANNI PRECEDENTI

Se la domanda riguarda anni arretrati vanno utilizzati un modulo per ogni anno (sempre considerando il periodo luglio-giugno). In questo caso il datore di lavoro erogherà con la prima somma tutte quelle precedenti a cui si ha diritto.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

Che cosa significa “quantitative tapering”

Che cosa significa “quantitative tapering”

La curva dei rendimenti piatta è un segnale di recessione. E per la verità, le stesse previsioni ufficiali della Fed sono per un RALLENTAMENTO della crescita nei prossimi anni Continua

da

ABC Risparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »