NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Educational Lavoro » Come si scorpora l'IVA da un importo

Come si scorpora l'IVA da un importo

Come scorporare l’imposta sul valore aggiunto, l’IVA, da un prezzo lordo. Togliere la percentuale IVA dall'importo lordo non è un procedimento corretto. I calcoli devono invece essere precisi

di Mauro Introzzi 6 mar 2017 - ore 15:08

Lo scorporo dell’IVA da un valore al lordo dell’Imposta sul Valore Aggiunto non è un procedimento così semplice come ci si possa attendere. Molti sono portati a sottrarre dal prezzo originale di un articolo la percentuale dell’IVA che caratterizza quel bene (22%, 10% o 4%). Ma questo procedimento non è corretto, se non per avere un valore di massima. Per calcolare il prezzo effettivamente scorporato dall’IVA i calcoli devono invece essere precisi. Di seguito le formule per ottenere grandezze perfettamente corrette.

 

scorporare-ivaCome si diceva non va applicata la formula dello sconto. Sarebbe infatti errato, se il prezzo di un prodotto in regima IVA al 22% fosse pari a 200 euro, sottrarre il 22% di 200 (ossia 44) al costo del bene. In questo caso 44 non è l’IVA applicata e quindi 156 non è il prezzo al netto dell’IVA.

 

Il procedimento giusto è invece il seguente:

 

  •  si prende il prezzo lordo, ossia 200
  •  si individua l’aliquota di riferimento per quel prodotto, nell’esempio 22%
  •  si applica la formula per individuare l’importo già scorporato impostando una proporzione, nell’esempio 200/1,22 = 163,93.


In altre parole, un prodotto che con IVA al 22% costa 200 euro ha un prezzo al netto d’Iva di 163,93. Aggiungendo il 22% a quest’ultimo prezzo (circa 36,07) si ottiene 200.

 

1,22 è dato da 1 + 0,22 (l’aliquota). Se il prodotto fosse soggetto ad IVA del 4% bisognerebbe dividere per 1,04 mentre se fosse soggetto ad IVA del 10% bisognerebbe dividere per 1,1.

 

In modo più schematico, per le 3 aliquote:

  • prezzo senza iva = prezzo con IVA / 1,22
  • prezzo senza iva = prezzo con IVA / 1,10
  • prezzo senza iva = prezzo con IVA / 1,04
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

Piazza Affari, prosegue il ribasso

Piazza Affari, prosegue il ribasso

Avvio in rosso anche per le principali borse europee. Partenza negativa per IntesaSanpaolo e per Saipem. Ieri Wall Street è rimasta chiusa per festività Continua

da

ABC Risparmio

Bonus Mamma domani: 800 euro per tutte. Richieste dal 4 maggio 2017

Bonus Mamma domani: 800 euro per tutte. Richieste dal 4 maggio 2017

Dal 4 maggio 2017 è possibile richiedere il bonus mamma domani. 800 euro, richiedibili negli ultimi mesi della gravidanza, per affrontare le prime spese per il nascituro Continua »