NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Lavoro » Le classifiche geografiche della disoccupazione nel 2013

Le classifiche geografiche della disoccupazione nel 2013

In una ricerca Manageritalia e AstraRicerche hanno stilato la classifica della disoccupazione, a livello regionale e provinciale. E ci sono non poche sorprese

di Redazione SoldieLavoro 6 mag 2014 - ore 12:47
Enrico Moretti, nel suo libro La nuova Geografia del lavoro, dice ”Nel panorama economico attuale non conta tanto che cosa fai o chi conosci, ma dove vivi”. A guardare la classifica della disoccupazione - elaborata da Manageritalia e AstraRicerche su dati Istat – a livello regionale e provinciale in Italia nel 2013 non si può proprio dargli torto.

DISOCCUPAZIONE: NORD, CENTRO E SUD
Nel 2013, a fronte di una disoccupazione media nazionale del 12,2%, 11,5% per gli uomini e 13,1% per le donne, il Nord (8,4%) fa meglio del Centro 10,9% e soprattutto del Mezzogiorno 19,7%.

DISOCCUPAZIONE: CLASSIFICHE REGIONALI E PROVINCIALI
A livello regionale la migliore, con la disoccupazione più bassa, è il Trentino Alto Adige (5,5%), a seguire Veneto (7,6%) e Friuli Venezia Giulia (7,7%), agli ultimi tre posti Sicilia (21%), Campania (21,5%) e Calabria (22,2%)
Tra le province al primo posto abbiamo Bolzano (4,4%) seguita da Prato (5,7%) e Verona (5,9%) e agli ultimi tre posti Crotone (25,6%), Napoli (25,8%) e ultimissima Medio Campidano (27%).

statistiche-lavoro_1DISOCCUPAZIONE: GIOVANI E DONNE
L'occupazione femminile a livello regionale premia Trentino AA (6,5%), Valle D’Aosta (8,3%) e Lombardia (8,8%), agli ultimi posti Puglia (23,3%), Calabria (23,5%) e Campania (23,85). A livello provinciale Bolzano (5%), Varese (6,4%) e Cuneo (6,5%) e agli antipodi Napoli (28,2%), Lecce (28,2%) e Medio Campidano (28,4%).
Tra i giovani (15-24enni): prima Trentino Alto Adige (16,7%), a seguire Veneto (25,3%), Friuli Venezia Giulia (24,2%) e agli ultimi tre posti Sicilia (54,2%), Campania (55,1%) e Calabria (56,1%). A livello provinciale, invece, prima Bolzano (12,2%), a seguire Sondrio (15,6%), Verona (18,5%), agli ultimi tre posti Enna (67,3%), Crotone (68,3%) e Carbonia-Iglesias (73,9%).

Valutando i dati per fascia d’età
la disoccupazione vede primeggiare in negativo, quindi quelli con la disoccupazione più alta, i 15-24enni (40%), seguiti da 25-35enni (17,7%), 35-44enni (9,9%) e 45-54enni (8%). Ma se guardiamo al dato assoluto, valutando quante persone stanno dietro a quelle percentuale, ecco che i rapporti cambiano. Cosi, sempre partendo da chi è primo per disoccupazione più alta, abbiamo in testa i 25-34enni che sono tra i disoccupati in assoluto i più numerosi, 928.112 (pur con un tasso di disoccupazione 17,7%), seguiti dai 35-44enni (751.951, 9,9%), dai 15-24enni (655.420, 40%) e dai 45-54enni (576.624, 8%).

In dettaglio la classifica dei primi tre e ultimi tre per i singoli segmenti.

A livello provinciale:
- TOTALE: prima Bolzano (4,4%) seguita da Prato (5,7%) e Verona (5,9%) e agli ultimi tre posti Crotone (25,6%), Napoli (25,8%) e ultimissima Medio Campidano (27%).
- 15-24ENNI: prima Bolzano (12,2%), a seguire Sondrio (15,6%), Verona (18,5%). E agli ultimi tre posti Enna (67,3%), Crotone (68,3%) e Carbonia-Iglesias (73,9%)
- 25-34ENNI: prima Prato (4,9%), a seguire Bolzano (5,4%) e Reggio Emilia (6%). E agli ultimi tre posti Agrigento (21,1%), Vibo Valentia (22,3%) e Caltanissetta (23,5%).
- 15-29ENNI: prima Bolzano (9,7%), a seguire Prato (10%), Treviso (12,9%). E agli ultimi tre posti Messina (51,4%), Agrigento (52,4%) e Medio Campidano (53,8%).
- DONNE: prima Bolzano (5%), seguita da Varese (6,4%) e Cuneo (6,5%), agli ultimi tre posti Napoli e Lecce (28,2%) e Medio Campidano (28,45).

A livello regionale:
- TOTALE: prima Trentino Alto Adige (5,5%), a seguire Veneto (7,6%), Friuli Venezia Giulia (7,7%). E agli ultimi tre posti Sicilia (21%), Campania (21,5%) e Calabria (22,2%)
- 15-24ENNI: prima Trentino Alto Adige (16,7%), a seguire Veneto (25,3%), Friuli Venezia Giulia (24,2%). E agli ultimi tre posti Sicilia (54,2%), Campania (55,1%) e Calabria (56,1%)
- 25-34ENNI: prima Trentino Alto Adige (7,1%), a seguire Veneto (9,9%), Liguria (10,1%). E agli ultimi tre posti Calabria (32,2%), Sicilia (32,5%) e Campania (32,5%).
- 15-29ENNI: prima Trentino Alto Adige (12,4%), a seguire Veneto (17,4%), Liguria (20,1%). E agli ultimi tre posti Sardegna (44,3%), Calabria (44,8%) e Sicilia (46%).
- DONNE: prima Trentino Alto Adige (6,5%) seguita da Valle D’Aosta (8,3%) e Lombardia (8,8%), agli ultimi tre posti Puglia (23,3%), Calabria (23,5%) e Campania (23,8%). Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

FTSEMib, mezzo punto percentuale guadagnato

FTSEMib, mezzo punto percentuale guadagnato

Qualche spunto tra i bancari. Buona seduta per Fiat Chrysler Automobiles e per Poste Italiane. In forte calo, invece, Geox, dopo la diffusione dei risultati preliminari del 2017 Continua

da

ABC Risparmio

Flat tax: cos'è e come funziona il sistema ad aliquota unica

Flat tax: cos'è e come funziona il sistema ad aliquota unica

Con flat tax si intende un sistema fiscale ad aliquota unica. Lo si indica anche come sistema proporzionale. Inserirla nel sistema italiano, potrebbe richiedere una riforma costituzionale Continua »