NAVIGA IL SITO

Le pari opportunità partono dal Worklife Balance. Lo vogliono anche i manager

La corsa verso la parità di genere è in Italia ancora lontana dal traguardo, soprattutto sul lavoro e in famiglia, ma ci sono importanti novità

di Redazione Soldionline 4 mar 2016 ore 14:49

A cura di  Manageritalia

Il worklife balance, il bilanciamento tra lavoro e vita personale, oggi lo vogliono anche i manager, è una necessità di tutti e si può fare.
Carella: “Il bilanciamento è oggi possibile se passa dalla gestione del personale incentrata su obiettivi, risultati e merito e sul migliore utilizzo di nuove tecnologie, facilitazioni legislative e non, oltre ad una vera collaborazione e sinergia tra i lavoratori. In un'unica espressione ‘organizzazione manageriale del lavoro’”

Sul fronte delle pari opportunità, è vero che qualcosa si sta muovendo, ma si muove troppo lentamente in tutt’Europa e ancor più in Italia. I dati elaborati da Manageritalia in collaborazione con AstraRicherche e Job Pricing su fonti diverse parlano chiaro: l’Italia è al 41° posto su 145 paesi (22° in Europa su 45 paesi) (classifica Global gender gap 2015 del World Economic Forum) gli stereotipi socio-familiari resistono e il 71% degli italiani (50% la media europea) ritiene che gli uomini siano meno competenti delle donne nello svolgimento dei compiti domestici e il 43% (29% media europea) crede che un padre debba anteporre la carriera al doversi occupare dei figli piccoli e il 38% infine (29% Europa) pensa che le donne siano meno disposte degli uomini a fare carriera.
Se non altro siamo consapevoli del ritardo: il 68% degli italiani (62% la media europea) pensa che oggi l’ineguaglianza di genere sia ancora diffusa nel Paese. Lo pensano più le donne 74% degli uomini 62% (in Europa donne 68% e uomini 57%) e l’ambito nel quale gli stereotipi di genere sono più diffusi è il proprio mercato del lavoro per il 51% degli europei e il 63% degli italiani, superati solo dalla Grecia (70%).
 
Eppure la diversità di genere sul lavoro fa la differenza e avere almeno il 30% delle donne in posizioni di leadership può far aumentare fino al 6% il margine del profitto netto aziendale (studio del Peterson Institute for International Economics e dell’Ey).
 
<dice Marisa Montegiove, coordinatrice del Gruppo donne di Manageritalia –. Certo deve essere basta su un’organizzazione manageriale del lavoro, perché le aziende e il lavoro diventino davvero “agili”, capaci di garantire una vera e sana flessibilità che permetta di dare il meglio nel lavoro e nella vita personale. Questo diventa oggi un must per tutti e per i manager in primis. Perché abbiamo bisogno delle donne per portare nuova linfa nella società e nell’economia>>.
 
Spiragli di luce arrivano dal fatto che il worklife balance oggi è finalmente al primo posto tra i fattori di successo professionale anche per i manager con una prevalenza degli uomini (53% dei manager e 55% degli uomini) e se lo vogliono per loro, a maggior ragione devono renderlo raggiungibile nelle loro aziende, per tutti i collaboratori. Parallelamente le donne manager continuano ad aumentare in Italia (+0,8% dirigenti e + 1% quadri nel 2014)
 
Una buona percentuale di donne al lavoro e ancor più nelle posizioni di vertice è la condizione perché le aziende facciano più profitti e le economie crescano maggiormente. Quindi, la tanto decantata parità diventa oggi, oltre un innegabile problema sociale, anche e soprattutto un’opportunità economia. Questo dicono i dati e anche i cittadini europei.
 
<dice Guido Carella, presidente Manageritalia – può far sì che questo worklife balance si realizzi. Grazie ad una gestione manageriale delle persone basata su obiettivi, risultati e, quindi, merito. Grazie ad un ottimale utilizzo delle nuove tecnologie, alle facilitazioni legislative e non, ad una vera collaborazione e sinergia tra i lavoratori e tra gli obiettivi delle persone e quelli delle aziende. Ma di fatto serve la presenza di manager che mettano anche l’anima per dar senso al lavoro di tutti e per raggiugere veramente quel diapason di produttività e benessere per le persone e le aziende.  Questo è oggi il vero ruolo dei manager per costruire il presente e il futuro del lavoro e della crescita economica e sociale>>.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TAG: manager , lavoro
da

Soldionline

Borsa italiana in rialzo: FTSEMib (quasi) sui massimi di giornata

Borsa italiana in rialzo: FTSEMib (quasi) sui massimi di giornata

Chiusura in rialzo per Piazza Affari, dopo lo scivolone di mercoledì e la sosta di Ferragosto. In positivo utility e banche. Il FTSEMib si allontana dai 20mila Continua

da

ABC Risparmio

Pensione di reversibilità 2019: chi ne ha diritto, importo e domanda

Pensione di reversibilità 2019: chi ne ha diritto, importo e domanda

La pensione di reversibilità spetta ai parenti stretti di un pensionato defunto. Anche nel caso in cui ne abbia maturato di diritti pur continuando a lavorare. Continua »