NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Aziende e imprese » 50mila fallimenti dall'inizio della crisi, 40 al giorno nel primo trimestre 2013

50mila fallimenti dall'inizio della crisi, 40 al giorno nel primo trimestre 2013

In media chiudono 40 imprese al giorno. Lombardia, Lazio e Veneto le regioni più colpite. Edilizia e Commercio all’ingrosso confermano il trend negativo evidenziato nel 2012. L’analisi dei fallimenti in Italia di CRIBIS D&B aggiornata al primo trimestre 2013

di Redazione Soldionline 18 apr 2013 - ore 15:00
Articolo a cura di CRIBIS D&B

Nei primi 3 mesi del 2013 in Italia hanno portato i libri in Tribunale 3.637 imprese, il dato in assoluto peggiore relativamente al I trimestre dell’anno a partire dal 2009, quando la crisi stava cominciando a far sentire i suoi effetti, in un trend di aumento costante che fa segnare un drammatico +65% in 4 anni.

Questa inesorabile escalation ha portato la media ad oltre 40 istanze al giorno (considerando anche i sabati e le domeniche) ma, soprattutto, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno fa registrare una ulteriore crescita del 13%. E così, dall’inizio del 2009 ad oggi sono state ben 48.939 le imprese italiane costrette a dichiarare fallimento.

È la drammatica fotografia che emerge dall'Analisi dei fallimenti in Italia aggiornata al 31 marzo 2013, realizzata da CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nella business information.

VIDEO - Come uscire dalla crisi? Cosa dicono industriali, sindacati e banchieri:


Analisi territoriale
Dalla rilevazione di CRIBIS D&B risulta che, anche nei primi 3 mesi dell’anno in corso, la regione più colpita dai fallimenti è risultata essere la Lombardia (per altro l’area del Paese che presenta la maggior densità di imprese), con 848 casi ed un’incidenza sul totale nazionale pari al 23,32%. Dall’inizio del 2009 in questa regione sono state ben 10.819 imprese che hanno portato i libri in Tribunale.

Al secondo posto di questa poco invidiabile graduatoria si colloca il Lazio, con 385 fallimenti e un'incidenza pari al 10,59% sul totale nazionale: qui i casi dal 2009 ad oggi sono stati 4.848. Il Veneto, invece, si piazza al terzo posto con 312 casi, un’incidenza dell’8,58% e 4.609 fallimenti complessivamente rilevati in poco più di quattro anni.

Seguono Emilia Romagna (308), Campania (291), Toscana (281), Piemonte (226), Sicilia (213), Puglia (169), Marche (136), Calabria (94), Sardegna (69), Friuli Venezia Giulia (65), Liguria (57), Abruzzo (54), Umbria (53), Trentino Alto Adige (38). Chiudono la classifica Basilicata (19), Molise (16), Valle D’Aosta (3).

Analisi per settore
Confermando le difficoltà già mostrate negli ultimi anni, ancora una volta è l'Edilizia il settore più colpito dai fallimenti, con 447 casi nel microsettore della “Costruzione di Edifici” e 291 nel microsettore degli “Installatori”, ai quali vanno aggiunti i 203 del settore della locazione immobiliare.

Altro comparto che si è dimostrato in grave crisi è quello del Commercio all’Ingrosso, che negli ultimi 3 mesi ha fatto registrare 497 fallimenti (per un totale di 6.548 casi dal 2009 ad oggi), di cui 276 nel “Commercio all’Ingrosso di Beni Durevoli” e 221 nel “Commercio all’Ingrosso di Beni non Durevoli”. In evidente difficoltà anche il settore dei Servizi Commerciali con 221 casi da inizio 2013. Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TAG: aziende , imprese , crisi