NAVIGA IL SITO

Aspetti fiscali e burocratici del drop shipping

Il drop shipping rappresenta da qualche anno una delle nuove frontiere dell’e-commerce, anche se in Italia ha un pò tardato ad arrivare ed a svilupparsi

di Redazione Soldionline 26 giu 2012 ore 13:55
Articolo a cura di partitaivaonline.com

Il drop shipping (o anche drop ship, che tradotto letteralmente vuol dire spedizione a goccia, o anche “prodotto per prodotto”) rappresenta da qualche anno una delle nuove frontiere dell’e-commerce, anche se in Italia ha un pò tardato ad arrivare ed a svilupparsi. Per coloro che non fossero informati su tale forma di vendita, consiste in parole povere nella possibilità di vendere i propri prodotti online (ma teoricamente può anche andare bene per le vendite in “locale”) senza avere un magazzino fisico, evitando quindi il problema dell’invenduto:
il venditore si affida al dropshipper, che spedirà direttamente i prodotti all’acquirente, fornendo garanzia e supporto (solitamente). Il venditore funge quasi da “procacciatore d’affari”, procurando nella pratica il cliente e aggiungendo una sorta di sovrappiù sul prezzo imposto dal dropshipper.

Tale forma di e-commerce permette quindi di avviare un’attività online senza l’assillo dell’acquisto e della spedizione di merce, che rimane comunque nella disponibilità del dropshipper, che è una sorta di “grossista” moderno, che provvede anche alla spedizione del prodotto.
Lo svantaggio del drop ship sta però nei guadagni relativamente bassi sui singoli prodotti, e sulla necessità di vendere grosse quantità per avere guadagni consistenti: un ruolo importante lo gioca la pubblicità e il sapersi “muovere, ad esempio, con i social network.

Da un punto di vista fiscale/burocratico non vi è alcuna differenza tra un negozio online che utilizza il dropshipping, ed un negozio online “classico”, ed i passaggi da seguire per avviare una tale attività sono sempre i medesimi:
- Apertura partita iva (codice ateco 47.91.10 - Commercio al dettaglio di prodotti via internet);
- Iscrizione al Registro Imprese della provincia competente;
- Iscrizione INPS commercianti (nel caso in cui ad esempio si fosse dipendenti tempo pieno è possibile richiedere l’esonero dall’iscrizione INPS);
- SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) presso il SUAP del comune dove ha sede legale l’impresa. Lo stesso SUAP solitamente fornisce i modelli adatti (es. modello Com6 bis);

Ricordiamo che tutti i passaggi sopra descritti vengono attuati con la Comunica (o Comunicazione Unica) che deve essere inviata telematicamente presso la Camera di Commercio competente, e che effettua tutte le iscrizioni previste con una sola comunicazione (anche la segnalazione al Comune, anche se non attiva ancora in tutti i comuni di Italia in via telematica).
Per l’avvio di tale attività i costi si aggirano sui 130/150 euro per diritti e bolli (in base alla provincia varia il costo), cui si sommano i costi per imposte e contributi (3.200 euro circa il contributo fisso minimo annuo per INPS, per le imposte il costo è variabile in base al reddito, avendo i requisiti è possibile accedere però al nuovo regime dei minimi con imposta sostitutiva al 5%, ma ad esempio le vendite di prodotti non devono superare i 30.000 euro e non è possibile vendere tali prodotti fuori dalla CEE).

La fatturazione nel dropshipping avviene anch’essa allo stesso modo di un classico negozio online, quindi il venditore riceverà fattura per i prodotti dal dropshipper e annoterà le vendite tra i corrispettivi, o emetterà fattura qualora venga richiesta: ricordiamo che nel caso di vendita per corrispondenza o via internet (nel caso di vendita di prodotti fisici e non digitali come e-book) non è obbligatorio emettere ricevuta fiscale o scontrino, basta soltanto annotare i corrispettivi nell’apposito registro, oppure emettere fattura quando richiesta.

partitaivaonlinePartitaivaonline è il primo portale in Italia interamente dedicato al mondo della Partita Iva. Lo staff di partitaivaonline.com è composto da professionisti qualificati ed affermati nel settore, formato da dottori commercialisti e personale esperto in materia fiscale, contabile e burocratica. Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

Le banche non frenano il FTSEMib

Le banche non frenano il FTSEMib

Il principale indice di Borsa Italiana ha guadagnato lo 0,77%. Telecom Italia TIM in forte progresso, dopo la diffusione dei risultati trimestrali. Molto bene anche STM Continua

da

ABC Risparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »