NAVIGA IL SITO

IVA (Imposta sul valore aggiunto): cos'è, come funziona e come si paga

L'IVA, (acronimo di Imposta sul Valore Aggiunto) è una delle principali imposte italiane. Viene pagata dalle partite IVA, ma il costo finale ricade sui consumatori

di Marco Delugan 26 mar 2019 ore 16:24

Lo Stato finanzia le proprie attività attraverso tasse, tariffe e imposte. Anche se spesso questi termini vengono utilizzati come sinonimi, in realtà indicano cose diverse. Tasse e tariffe vengono infatti pagate a fronte di servizi determinati, come la tassa sui rifiuti o le tariffe per gas e luce. Oppure per il trasporto ferroviario. Mentre le imposte sono trasferimenti obbligatori dai contribuenti allo Stato che non hanno come corrispettivo un servizio specifico, ma vanno appunto a finanziare l'attività dello Stato intesa in senso generale. E tra le imposte c'è appunto l'IVA, l'imposta sul valore aggiunto.

Le tariffe sono dei veri e propri prezzi, e cioè corrispettivi di natura contrattuale. Mentre le tasse vengono stabilite dalla legge.

Le imposte si dividono poi in imposte dirette e imposte indirette. Quelle dirette vanno a incidere su quella che viene chiamata capacità contributiva, e cioè su cose come il reddito e il patrimonio. Le imposte indirette vanno invece a incidere sulla ricchezza quando viene spesa, come le imposte sui consumi. L'imposta sul valore aggiunto è una imposta indiretta che va a incidere sui consumi.

 

In questa guida:

 

COS’E’ L’IVA (IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO)

ivaL’IVA è una imposta che viene applicata sul valore aggiunto di ogni fase di produzione e di scambio di beni e servizi.  Con valore aggiunto si intende l'incremento di valore delle materie prime iniziali per l'intervento del lavoro, delle macchine e delle attrezzature di produzione. Il valore aggiunto è quindi la differenza tra il valore finale di ciò che viene prodotto meno il valore iniziale dei beni e servizi acquistati per essere impiegati nel processo produttivo. Viene applicata al consumatore finale, ma anche nella vendita di un semilavorato da un'impresa a un'altra.

Non tutte le operazioni di questo genere sono però imponibili. Alcune non lo sono, altre sono esenti o escluse.

LEGGI ANCHE: Come aprire la partita IVA

 

OPERAZIONI NON IMPONIBILI E OPERAZIONI ESENTI

Perché l'imposta sul valore aggiunto possa essere applicata devono sussistere tre presupposti detti oggettivo, soggettivo e territoriale. Il presupposto oggettivo è che si realizzino cessioni di beni o prestazioni di servizi. Quello soggettivo è che queste cessioni e prestazioni siano effettuate da soggetti che svolgono abitualmente attività di impresa o di lavoro autonomo. Il presupposto territoriale è che queste operazioni avvengano all'interno del territorio dello Stato.

Le operazioni escluse sono quelle a cui manca uno dei presupposti fondamentali. Mentre le operazioni esenti sono quelle per cui, pur esistendo tutti i presupposti appena indicati, la legge prevede che su quelle l’imposta non venga pagata. Sono ad esempio le prestazioni sanitarie, quelle didattiche ed educative e altre prestazioni di utilità sociale. E i servizi di credito, quelli finanziari e quelli assicurativi.

 

CHI DEVE PAGARE L’IVA

L'imposta sul valore aggiunto si applica sulla cessione di beni e servizi che avvengono nell'esercizio di imprese o di arti e professioni all'interno del territorio nazionale, comprese le importazioni e le operazioni intracomunitarie.

La deve pagare chi svolge lavoro autonomo in maniera stabile e continuativa, che sia persona fisica o società, per cessione di beni e prestazioni di servizi che avvengono sul territorio nazionale. La pagano quindi le partite IVA. E il consumatore finale.

LEGGI ANCHE: Come si scorpora l'IVA da un importo


QUANDO SI DEVE PAGARE L’IVA

Il fornitore acquista un bene o un servizio su cui paga l'IVA. Quando lo rivende, addebita l'imposta al cliente. Alla fine del percorso, solo il consumatore finale paga davvero l'IVA. In tutte le altre fasi di trasformazione e vendita, infatti, chi acquista addebita poi a chi vende.

Per quanto riguarda le imprese, si chiama IVA a debito quella sulle vendite, e IVA a credito quella sugli acquisti. Quella a debito deve essere versata periodicamente allo Stato. La cadenza può essere mensile o trimestrale.

Per calcolare quanto si deve pagare, bisogna sottrarre l'IVA a credito (sugli acquisti) dall'IVA a debito (sulle vendite). Se il risultato è maggiore di zero, allora si deve pagare l'IVA.

 

QUANTO SI DEVE PAGARE DI IVA

L'imposta sul valore aggiunto viene normalmente calcolata sulle fatture emesse e sulle fatture dovute. Anche se non sono state pagate e saldate.

L'ammontare dipende poi dal prezzo del bene e dall'aliquota. Le aliquote previste sono le seguenti:

  • l'IVA al 4% su generi di prima necessità;
  • l'IVA al 10% sui servizi turistici, alimentari ed edili;
  • l'IVA al 22% per tutti gli altri beni e servizi.

 

COME PAGARE L’IVA

L'IVA deve essere versata con il modello F24 attraverso modalità telematiche. Lo si può fare direttamente, attraverso i servizi Fisconline o Entratel. Oppure tramite intermediari autorizzati, come ad esempio professionisti, associazioni di categoria e Caf.

Il pagamento deve essere fatto entro il giorno 16 del mese successivo a quello di liquidazione, o del secondo mese successivo al termine del trimestre di riferimento. Nel caso di pagamento trimestrale l'IVA va maggiorata dell'1%. Nel caso contrario, e cioè quando l'IVA a credito supera quella a debito, può essere compensata nel modello F24 e ridurre l'ammontare degli altri pagamenti dovuto allo Stato o ad altri Enti pubblici.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

Piazza Affari maglia nera in Europa. Crollano le banche

Piazza Affari maglia nera in Europa. Crollano le banche

Il FTSEMib ha perso due punti percentuali, dopo che lo spread tra Btp e Bund ha toccato i 200 punti. L'aumento dello spread ha mandato in rosso anche le utilities Continua

da

ABC Risparmio

APE volontaria: come funziona (requisiti, calcolo e domanda)

APE volontaria: come funziona (requisiti, calcolo e domanda)

Ape volontaria è un anticipo sulla pensione di vecchiata. La si può ottenere per un massimo di 3 anni e 7 mesi fino al raggiungimento dell'età pensionabile. Continua »