NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Educational Lavoro » SR163 INPS, cos'è e come compilare il modulo per le principali indennità

SR163 INPS, cos'è e come compilare il modulo per le principali indennità

Se volete richiedere dall'INPS una forma di sostegno al reddito dovete presentare anche il modello SR163. Per dire dove e come volete ricevere il denaro.

di Mauro Introzzi 30 ott 2018 ore 10:30

Se volete richiedere dall'INPS una qualche forma di sostegno al reddito dovete presentare anche il modello SR163. Ad esempio per il sussidio di disoccupazione Naspi, per la disoccupazione agricola, il bonus bebè o il bonus mamma.

Il modello SR163 serve ad indicare all'INPS il modo in cui si vuole essere pagati, e dove. Le possibilità sono il bonifico domiciliato presso un ufficio postale, il bonifico su conto corrente bancario e postale, oppure su libretto postale dotato di iban, o su carta prepagata anch'essa dotata di iban. Perché il modulo sia valido, è necessario il timbro della banca o dell'ufficio postale, e la firma dell'impiegato.

Se dopo aver ottenuto il sussidio cambiate banca o volete il denaro accreditato su altro conto corrente, compilate e inviate all'Inps un altro modulo SR163. In questa guida vedremo come si compila, dove trovarlo e come presentarlo.

 

DOVE TROVARE IL MODELLO INPS SR163

Il modello SR163 si trova in qualsiasi sede INPS o può essere scaricato anche dal sito dell'ente pensionistico italiano. Lo si può ricercare sulla pagina della modulistica con il suo codice (SR163, appunto). Una volta scaricato lo si può stampare e compilare a mano oppure modificarlo direttamente via computer.

 

MODELLO SR163, I CAMPI DA INSERIRE

Come prima cosa inserite il riferimento all'ufficio dell'INPS competente cui volete inviare la richiesta. Poi inserite i vostri dati anagrafici:

  • nome e cognome,
  • codice fiscale,
  • residenza,
  • recapiti telefonici e mail.

sr163inps-dati-anagrafici

Nella parte successiva specificate il motivo della richiesta della prestazione - ad esempio naspi, bonus bebè o assegno di natalità.

sr163inps-richiesta-prestazione

E come preferite che il denaro vi sia versato:

sr163inps-inserimento-iban

Se chiedete pagamenti con accredito su conto corrente bancario o postale, su libretto postale o carta prepagata, dovete compilare altri campi con la specifica del codice IBAN collegato. In questo caso dovrete poi andare presso la vostra filiale bancaria o sportello postale per far apporre al modulo un timbro, la firma del funzionario e la data a certificazione della validità dei dati inseriti.

Ma se si è titolari di un conto corrente online cosa bisogna fare?

Secondo una circolare della stessa INPS "nel caso di conti correnti o carte prepagate aperti presso istituti di credito virtuali è sufficiente inviare il documento rilasciato on line dalla procedura di collegamento al conto nel quale appare l’intestazione".

Infine inserite il codice fiscale a cui l'IBAN è collegato.

sr163inps-dichiarazione-cf-firma

Ora è tempo di inviare all'INPS (o consegnare al proprio patronato) il modulo completo. Si può consegnarlo a mano oppure spedirlo, o inviarlo via posta elettronica certificata. Bisogna ricordare che nel caso in cui si cambiasse banca o si volesse il denaro accreditato su altro conto corrente, andrà compilato e inviato un altro modulo SR163.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

Piazza Affari, un convincente rialzo per il FTSEMib!

Piazza Affari, un convincente rialzo per il FTSEMib!

Seduta brillante per i bancari, dopo che lo spread tra Btp e Bund è sceso sotto i 275 punti. Male Salvatore Ferragamo dopo la bocciatura di Kepler Cheuvreux Continua »

da

ABC Risparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »