NAVIGA IL SITO

Stato di disoccupazione

Non basta non avere un lavoro per essere considerati formalmente disoccupati. Bisogna anche dichiararsi immediatamente disponibili a farne uno, e a partecipare a formazione e orientamento professionale.

di Marco Delugan

Lo stato di disoccupazione serve a ottenere sussidi pubblici (NASpI, DIS-COLL, ad esempio) e a partecipare a percorsi pubblici di riqualificazione e reinserimento lavorativo. Per ottenere lo stato di disoccupato è necessario aver perso il lavoro in maniera involontaria, ma anche essere disponibile a svolgerne un altro e a seguire le politiche attive per la ricerca di un nuovo lavoro proposte dal Centro per l’Impiego.

E’ necessario quindi sottoscrivere la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro e il Patto di servizio concordato con il centro per l’impiego.

Ma è possibile ottenere lo stato di disoccupazione anche se si lavora, purché il reddito annuale derivante non superi la soglia sotto la quale si viene esclusi dall’imposizione fiscale, e cioè 8.000 euro per un lavoro subordinato o parasubordinato e 4.800 euro se si lavora in maniera autonoma.

Lo stato di disoccupazione può essere perso. Alcune condizioni riguardano il rapporto con il Centro per l’Impiego, e sono il mancato rinnovo periodico della dichiarazione di immediata disponibilità, il mancato rispetto degli impegni assunti con il Centro per l’Impiego, e il rifiuto senza giustificato motivo di una “congrua” offerta di lavoro.

E c’è una condizione economica, cioè trovare un lavoro che generi un reddito annuo superiore alla soglia minima sotto la quale si viene esclusi dall’imposizione fiscale, che è di 8.000 euro per un lavoro subordinato o parasubordinato e 4.800 euro per un lavoro autonomo, anche occasionale.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide correlate

Non sono presenti articoli correlati.
da

Soldionline

Borsa Italiana: nel primo vero giorno dei dividendi spiccano i petroliferi

Borsa Italiana: nel primo vero giorno dei dividendi spiccano i petroliferi

Chiusura sotto la parità per Piazza Affari, su cui ha pesato anche lo stacco di qualche dividendo. Molto bene i petroliferi in scia alle decisioni USA sul petrolio iraniano. Giù Juve e FCA Continua

da

ABC Risparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »