NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Educational Lavoro » Nuovi voucher INPS 2018: ecco come funzionano

Nuovi voucher INPS 2018: ecco come funzionano

La disciplina dei “nuovi voucher”, introdotta col Decreto Dignità, segue regole simili rispetto alla precedente disciplina. Centrale è il ruolo svolto dalla piattaforma INPS, unico banco dove possono essere ritirati i voucher

di Francesca Secci 22 ott 2018 ore 15:38

Tra le novità introdotte dal Decreto Dignità, una delle principali riguarda la reintroduzione dei voucher lavoro.

Vediamo come funzionano (qui trovate invece come funzionavano inizialmente, qui invece la modifica successiva).

 

I DESTINATARI DEI VOUCHER

I voucher potranno essere utilizzati, nel contesto delle prestazioni occasionali da:

  • Imprese agricole
  • Strutture turistiche alberghiere
  • Enti locali

Che c'è di nuovo? Il lavoratore può autocertificare il proprio status (studente, pensionato, disoccupato, avente diritto al reddito d’inclusione o altre forme di sostegno) e soprattutto, non è necessario registrarsi negli elenchi del personale dei lavoratori agricoli l'anno precedente.

Per quanto riguarda i settori delle imprese agricole e delle strutture turistiche alberghiere, possono essere destinatari del voucher soltanto le seguenti categorie di persone:

  • Coloro che percepiscono una pensione di vecchiaia o d’invalidità
  • Minori di 25 anni regolarmente iscritti a un corso di studi
  • I disoccupati
  • Coloro che percepiscono un salario o un reddito d’inclusione (REI o SIA)

 

COME SI ATTIVA IL VOUCHER

voucher-inps_1La gestione dei nuovi voucher è supportata da una piattaforma ad hoc predisposta dall’INPS e accessibile dalla sezione del sito nella parte dedicata alle prestazioni occasionali.

Sia l’utilizzatore sia il lavoratore devono eseguire la registrazione obbligatoria.

Poi, è necessario sottoscrivere una comunicazione in cui ci si impegna a soddisfare gli obblighi derivanti dalle informazioni date e dal lavoro.

La comunicazione consiste nell’inserimento da parte dell’utilizzatore, delle seguenti informazioni sulla piattaforma INPS:

  • I dati del prestatore
  • Il compenso concordato
  • Il luogo in cui è svolto il lavoro
  • Data e ora di inizio e fine del lavoro
  • Il settore d’impiego
  • Altre informazioni per l'amministrazione del rapporto di lavoro, come ad esempio l'affiliazione del dipendente a gruppi svantaggiati

La comunicazione può essere fatta almeno un’ora prima dell’inizio della prestazione e avviene mediante l’utilizzo di un calendario giornaliero gestito dall’INPS.

Dopo aver trasmesso la comunicazione, se la prestazione non dovesse essere svolta, l’utilizzatore deve eseguire la revoca della dichiarazione inoltrata, utilizzando la procedura telematica INPS, entro mezzanotte del terzo giorno successivo a quello originariamente previsto per lo svolgimento della prestazione.

Grazie alle modifiche apportate dal decreto Dignità per portare a termine la comunicazione di revoca, il termine previsto è stato allungato a 10 giorni. Il dipendente ha comunque l'opportunità di inviare una conferma.

 

LA RETRIBUZIONE CON I VOUCHER

La retribuzione con i voucher incontra gli stessi limiti economici descritti nella guida sul contratto di prestazione occasionale.

Per l’anno di svolgimento le regole sono le seguenti:

  • Con riferimento alla totalità degli utilizzatori, ciascun lavoratore non può superare la soglia di 5000 euro annui di pagamenti per le prestazioni.
  • Con riferimento alla totalità dei lavoratori, ciascun utilizzatore, non può superare la soglia di 5000 annui di compensi.
  • I compensi da parte di ogni utilizzatore per uno stesso lavoratore non possono superare la soglia dei 2500 annui.

Questi importi sono riferiti al netto di contributi INPS, premi assicurativi INAIL e costi di gestione.


Il limite massimo per ciascun lavoratore riguardo a tutti i dipendenti è calcolato sulla base del 75% dell'importo compensativo, se il dipendente appartiene a uno dei seguenti gruppi:

  • Titolari di pensione di vecchiaia o d’invalidità.
  • Giovani con meno di 25 anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi.
  • Disoccupati.
  • Percettori del reddito d’inclusione (rei o sia) o di altre forme di sostegno al reddito.

 

QUANTO COSTANO I VOUCHER?

La tariffa per i nuovi voucher è stabilita dalle parti, ma non deve essere inferiore al livello minimo previsto per legge di pari a 9 euro l'ora.

Inoltre, l'importo dell'indennità giornaliera non può essere inferiore all'importo minimo di 36 euro stabilito per il pagamento di 4 ore di lavoro, anche se la durata effettiva del lavoro giornaliero è inferiore a quattro ore.

L'ammontare della retribuzione per le ore successive sarà determinato dalle parti a condizione che sia rispettata la tariffa oraria minima di 9 euro.

Ai 9 euro di compenso vanno aggiunti:

  • I contributi alla Gestione separata INPS, dovuti al 33%
  • Il premio assicurativo INAIL, dovuti al 3,5%
  • Oneri di gestione, dovuti nella misura dell’1%

I voucher hanno un valore di 12,41 euro lordi, ciascuno dei quali è utilizzabile per compensare prestazioni di durata non superiore a un’ora.

Se il servizio richiede meno di un'ora, il voucher deve essere pagato per intero. Tuttavia, le parti sono libere di fissare una tariffa oraria più elevata, vale a dire più di un buono per ora lavorata (ad esempio tre buoni per due ore).

 

COME SI PAGANO I NUOVI VOUCHER

Prima della modifica, il committente acquistava i voucher al tabaccaio e corrispondeva al lavoratore un voucher per ogni ora lavorata.

Oggi le regole sono un po’ diverse.

Il terzo giorno del mese successivo a quello in cui è stato fornito il servizio, il committente deve fornire tutte le informazioni necessarie per procedere con il pagamento e l'accredito dei contributi. La comunicazione deve essere compiuta sul sito web dell'INPS o tramite il Call Center, compresi i dettagli del mutuante, il compenso concordato, l'ubicazione e la durata del servizio, e qualsiasi altra informazione utile a gestire la relazione. Il creditore riceverà quindi una notifica dall'istituto via SMS o e-mail.

Il pagamento della commissione da parte dell'INPS sarà eseguito entro il 15 del mese successivo al giorno della prestazione e sarà accreditato sul conto corrente; o (se non v'è nessuna registrazione dell’Iban) il bonifico arriverà negli uffici postali (in questo caso i costi di pagamento sono a carico del prestatore). Entro lo stesso termine, l'istituto offre l'accreditamento dei contributi di sicurezza sociale.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

I market mover della settimana

I market mover della settimana

Focus sul collocamento della quattordicesima tranche del Btp Italia. Giovedì 22 novembre i mercati azionari statunitensi resteranno chiusi peril Giorno del Ringraziamento Continua »

da

ABC Risparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »